Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Benoît Hamon, vicitore al primo turno

Keystone/AP/KAMIL ZIHNIOGLU

(sda-ats)

Ballottaggio fra Benoît Hamon, rappresentante dell'ala sinistra del Partito socialista, e l'ex primo ministro Manuel Valls: questo il risultato del primo turno delle primarie socialiste che si sono svolte oggi in vista della prossime elezioni presidenziali francesi.

Il 49enne Hamon, il candidato del reddito di cittadinanza, il socialista utopista che ha capeggiato la fronda contro la sua maggioranza di governo, se la vedrà domenica prossima con il 54enne Valls, l'uomo che ha incarnato il governo che lo stesso Hamon contestava.

Non c'è stato il temuto tracollo della sinistra, una partecipazione calcolata fra 1,7 milioni e 1,9 ha garantito legittimità a questa consultazione, pur con un'affluenza inferiore di oltre il 50% rispetto a quanto totalizzato dalla destra a fine novembre.

In molti, nella gauche, si interrogano sul ruolo di François Hollande, il presidente che ha guidato per 5 anni la Francia e che è finito ad un minimo di popolarità storico. Poi ha costretto la sinistra ad attendere gennaio per celebrare le primarie - annunciando il proprio ritiro soltanto a inizio dicembre - e alla fine ha fatto di tutto per esibire la propria assenza da questo appuntamento.

Oggi è in visita in Cile e non ha neppure votato, giovedì scorso, per il dibattito finale, se n'è andato a teatro. Tutto questo, secondo gli analisti, vorrebbe significare che il suo appoggio andrà a Emmanuel Macron, il suo ex ministro dell'Economia che si è candidato senza passare dalle primarie.

Come accadde nei 10 giorni delle primarie della destra, quando a sorpresa fu Francois Fillon a scoprirsi vincente, per la gauche è stato Benoit Hamon, frondista che ha contestato giorno dopo giorno il governo da sinistra, a superare tutti. Ha regolato in volata Manuel Valls, che nei dibattiti di questa settimana è stato costretto nello scomodissimo ruolo di difensore del bilancio di governo; e ha battuto l'altra sinistra del PS, quella "operaista" di Arnaud Montebourg, l'uomo del "made in France", della difesa a oltranza dell'occupazione, anche sforando le regole sui deficit o alzando barriere protezionistiche.

Hamon, 50 anni, cresciuto nel PS al fianco di Martine Aubry, creatore proprio con Montebourg del Nuovo Partito Socialista, è invece il candidato che più di ogni altro ha fatto del reddito di cittadinanza la sua bandiera. Un provvedimento, ha spiegato pochi giorni fa a Le Monde, che "non può essere realizzato dall'oggi al domani", ma che resta "un obiettivo" a termine. Contro la crisi, la disoccupazione, il malessere della società, Hamon propone da un lato di "ridurre l'orario di lavoro fino a 35 ore settimanali", dall'altro di introdurre "un reddito universale di esistenza, il mezzo cioè per i lavoratori di poter ridurre essi stessi il proprio orario di lavoro per potersi dedicare a cose diverse da un lavoro talvolta penoso".

Valls, che domenica affronterà in un duello per lui molto difficile l'avversario situato alla sua sinistra, ha rilanciato con un "reddito di decenza", cioè un'entrata minima garantita per tutti quelli che sono sotto un livello minimo di risorse e non - come nel modello Hamon - a tutti indistintamente. Per il resto, Valls vuole reintrodurre un provvedimento adottato sotto la presidenza di Nicolas Sarkozy e poi abolito da Francois Hollande, la defiscalizzazione delle ore di straordinario, per rilanciare la produzione e la redditività del lavoro.

Due visioni apparentemente inconciliabili, quelle di Hamon e Valls, che si scontreranno in condizioni diverse: il primo potrà contare su un numero nettamente superiore di sostegni degli altri candidati, a cominciare dal terzo classificato, Arnaud Montebourg: con il suo 18%, Hamon avrebbe già la maggioranza assoluta. Molto in salita la strada per Valls, che nel dibattito di questa settimana si troverà sempre confinato nel difficile ruolo di difensore degli ultimi difficili anni di governo, per attirare alleanze, a parte Vincent Peillon, che ha però soltanto il 6,48%. L'appoggio che Valls avrebbe atteso, quello di Hollande, continuerà con ogni probabilità a non arrivare.

SDA-ATS