PS lancia "Appello per la naturalizzazione"


 Tutte le notizie in breve

PS lancia "Appello per la naturalizzazione" (foto d'archivio)

Keystone/ANTHONY ANEX

(sda-ats)

Dal prossimo anno potranno inoltrare una domanda di naturalizzazione solo gli stranieri con il permesso di domicilio (permesso "C"): quello di dimora ("B") non sarà più sufficiente.

Per questo motivo il Partito socialista ha invitato oggi i detentori del permesso "B" a chiedere il passaporto rossocrociato.

"Coloro che desiderano ottenere la cittadinanza svizzera e che soddisfano le condizioni necessarie devono affrettarsi a farlo prima del 1° gennaio 2018, data in cui entrerà in vigore una legge sulla naturalizzazioni molto più severa", ha spiegato il presidente di PS Migranti Mustafa Atici - di origine turca - in una conferenza stampa a Berna durante la quale è stato presentato l'"Appello per la naturalizzazione", un documento pubblicato in oltre dieci lingue.

All'incontro con la stampa erano presenti 6 socialisti, tutti con un passato migratorio alle spalle, tra i quali la consigliera nazionale Ada Marra. Visto il previsto inasprimento delle condizioni per il rilascio del passaporto elvetico, un "sì" alle naturalizzazioni agevolate degli stranieri di terza generazione - tema sul quale si voterà il prossimo 12 febbraio - è ancora più importante, ha sostenuto la vodese di origini italiane.

Marra ha anche ricordato che i due terzi dei potenziali beneficiari delle naturalizzazioni facilitate sono italiani. Linda Reis, portoghese residente nel canton Berna, ha poi fatto l'esempio dei nipoti dei suoi connazionali immigrati in Svizzera 40-50 anni fa. "Qual'è la loro patria?" si è chiesta. "Sulla carta non sono svizzeri, ma nella loro cultura e nel loro cuore non sono portoghesi".

La Svizzera è una "Willensnation" (nazione nata per volontà) ed è ora di dimostrare che anche gli stranieri di terza generazione ne fanno parte, ha sostenuto la zurighese di origine keniana Apiyo Brändle-Amolo. "È la volontà di vivere assieme che fa della Svizzera una nazione - ha aggiunto -, non la lingua, la religione o l'origine".

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve