Tutte le notizie in breve

Per eliminare eventuali discriminazioni fiscali delle coppie sposate il Consiglio federale rilancia la proposta di "calcolo alternativo"

KEYSTONE/CHRISTIAN BEUTLER

(sda-ats)

Per eliminare eventuali discriminazioni fiscali delle coppie sposate il Consiglio federale rilancia la proposta di "calcolo alternativo", congelata nel 2013. Un nuovo progetto sarà pronto entro marzo 2017 e riguarderà anche i concubini con figli.

Il modello della "tariffa multipla con calcolo alternativo dell'imposta" è un'idea dell'ex ministra della finanze Eveline Widmer-Schlumpf, abbandonata per mancanza di sostegno in consultazione. L'imposta federale diretta (IFD) delle coppie sposate viene calcolata secondo il sistema abituale, poi come se si trattasse di due concubini e alla fine viene applicata la versione meno onerosa.

Le perdite fiscali sono stimate a circa un miliardo di franchi, ossia inferiori a quelle causate da altri modelli, precisa un comunicato del Consiglio federale. Il sistema riguarda solo l'imposta federale diretta: per le imposte cantonali e comunali i cantoni possono continuare a utilizzare la loro soluzione. Ciò permette di applicare il modello in tempi relativamente brevi, sottolinea la nota.

La proposta inoltre non causa un maggior dispendio per i contribuenti. Rispetto al diritto in vigore la base di calcolo non cambia, il reddito imponibile rimane invariato. Per contro l'onere amministrativo per i Cantoni potrebbe aumentare, soprattutto nella fase introduttiva.

L'iniziativa "Per il matrimonio e la famiglia - No agli svantaggi per le coppie sposate" del PPD è stata bocciata in votazione federale in febbraio da una maggioranza esigua. Per questo il governo ha deciso di adeguare l'imposizione dei coniugi e ha incaricato il Dipartimento federale delle finanze (DFF) di presentare un messaggio.

Il Consiglio federale vuole al contempo eliminare i privilegi di cui beneficiano le coppie non sposate con figli. Attualmente, sempre per quanto riguarda l'imposta federale diretta, viene concessa la tariffa più bassa anche alle famiglie monoparentali e ai concubini con figli.

In futuro alle persone non coniugate con figli verrà applicata la tariffa di base. Per le famiglie monoparentali invece verrà introdotta una nuova deduzione. Queste misure comportano un maggiore onere fiscale per le famiglie monoparentali e le coppie non sposate, ma secondo il governo le famiglie monoparentali con un reddito basso o medio saranno avvantaggiate.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve