Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'Ufficio federale dell'energia (UFE) ha lanciato oggi un nuovo round di gare pubbliche finalizzate al risparmio di energia elettrica. Complessivamente sarà a disposizione un budget pari a 45 milioni di franchi, indica una sua nota.

Attraverso lo strumento delle gare pubbliche - scrive l'UFE - la Confederazione sostiene progetti e programmi volti a promuovere l'efficienza nel settore elettrico e che, a costi per quanto possibile moderati, contribuiscano a un consumo più parsimonioso di elettricità nel settore industriale, dei servizi e nelle economie domestiche.

Rispetto agli anni scorsi, le scadenze per l'inoltro delle domande sono state allungate in questo nuovo round, l'ottavo. I progetti dovranno essere presentati entro il primo febbraio 2017, i programmi entro il 17 marzo 2017. La procedura di selezione delle proposte inoltrate si svolgerà nel secondo trimestre dell'anno.

I fondi sono aggiudicati ai progetti o ai programmi che presentano il miglior rapporto costi-benefici (ct./kWh). Chi inoltra un progetto deve fornire la prova che senza contributi esso non potrebbe essere realizzato o essere redditizio. Di regola i programmi di efficienza raggruppano numerose singole misure dello stesso tipo e sono attuati da enti responsabili per il loro svolgimento, indica la nota.

Nel quadro della Strategia energetica 2050 il Consiglio federale ha deciso di rafforzare lo strumento delle gare pubbliche, che sono finanziate con il supplemento sui costi di trasporto delle reti ad alta tensione. Entro il 2020 i fondi messi a disposizione saranno aumentati a un massimo di 50 milioni di franchi l'anno. L'UFE ha affidato lo svolgimento delle gare pubbliche alla società CimArk SA di Sion.

Nel 2016 hanno ottenuto il sostegno della Confederazione in tutto 18 programmi, finanziati con 33 milioni di franchi complessivi. Entro la scadenza del termine d'iscrizione, presso l'agenzia ProKilowatt erano stati inoltrati 33 programmi.

Il rapporto costi-benefici (contributo per ogni chilowattora risparmiato) si situa tra 1,7 e 3,9 centesimi per chilowattora (media 2,6 ct./kWh). I programmi beneficiari di contributi vanno dagli impianti di illuminazione e i sistemi di aerazione efficienti, alle lavastoviglie a uso industriale, a proposte di misure di efficienza energetica per alberghi, case di riposo e impianti infrastrutturali.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS