Tutte le notizie in breve

Un'immagine mostra alcuni studenti durante una lezione all'Università di Zurigo (foto simbolica d'archivio).

Keystone/GAETAN BALLY

(sda-ats)

Continua a far discutere la decisione del Politecnico federale (ETH) di sospendere un contributo di 100'000 franchi all'Università di Zurigo per finanziare corsi di romancio. Il governo retico chiede all'ETH di ritornare sulla sua decisione.

Il taglio mette in pericolo la formazione di docenti della scuola media e secondaria che insegnano nella quarta lingua nazionale, scrive il consiglio di Stato dei Grigioni in una nota.

Il governo grigionese si dice peraltro "costernato" di avere appreso la notizia da media e di non aver ricevuto nessuna informazione preliminare dai responsabili del Politecnico federale.

Dieci giorni fa il "Tages Anzeiger" aveva rivelato l'intenzione dell'ETH di sospendere dalla fine del 2018 il finanziamento che serve a sostenere un posto di assistente per i corsi di romancio all'Università.

Il versamento è regolato da un accordo raggiunto 30 anni fa fra le due Alte scuole di Zurigo, che inizialmente offrivano congiuntamente le lezioni in romancio.

Andreas H. Juncker, decano della facoltà filosofica dell'Uni di Zurigo, ha deplorato la decisione dell'ETH, ma si è pure detto "fiducioso che l'Università saprà trovare un'alternativa". Attualmente sono 12 gli studenti iscritti a Zurigo ai corsi di lingua e di letteratura romancia, che possono essere seguiti come materia facoltativa a livello di bachelor o di master.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve