Tutte le notizie in breve

L'artista "oppositore" Piotr Pavlenski è stato condannato a 16 anni di reclusione da un tribunale di Mosca per aver inscenato due anni fa una protesta a favore di Kiev.

Pavlenski aveva bruciato pneumatici e sventolato bandiere ucraine vicino a una cattedrale di San Pietroburgo assieme ad alcuni attivisti.

L'artista non sconterà la pena a causa di ritardi nel processo, ma resta comunque in carcere per aver dato fuoco lo scorso novembre a una porta della Lubianka, quartier generale dei servizi segreti russi.

A San Pietroburgo Pavlenski voleva ricordare la protesta di Maidan - la piazza centrale di Kiev - che ha costretto alla fuga l'allora presidente ucraino filorusso Viktor Ianukovich. Secondo il suo legale, pochi giorni fa, durante il trasferimento in un tribunale di Mosca, l'artista sarebbe stato malmenato dalle guardie carcerarie che gli avrebbero anche fratturato una costola.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve