Tutte le notizie in breve

I risultati delle elezioni parlamentari russe svoltesi domenica sono stati invalidati in 9 seggi elettorali a causa di violazioni: lo ha annunciato la presidente della Commissione elettorale centrale, Ella Pamfilova, citata dall'agenzia Interfax.

"Le elezioni non sono illegittime ma non sono nemmeno immacolate", aveva detto Pamfilova subito dopo il voto.

I seggi elettorali dove i risultati del voto sono stati invalidati sono: il 1669, in Daghestan, dove c'è stata una zuffa ed è stata aperta un'urna con le schede; il 1958, dove le telecamere per due volte hanno registrato l'immissione irregolare di schede nelle urne; il 574, in Mordovia, dove le schede nell'urna erano di più di quelle distribuite agli elettori; il 123 in Adighea; il 2269 e il 1353 a San Pietroburgo; il 1198 a Belgorod; il 2411 e il 2211 a Nizhni Novgorod: in quest'ultimo seggio la telecamera di sicurezza ha registrato una donna membro della commissione elettorale che si è alzata improvvisamente da una scrivania per riempire un'urna di schede elettorali mentre un'altra donna cercava di coprirla dagli sguardi dei presenti.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve