Schengen: ok a controlli per tutti a frontiere esterne Unione


 Tutte le notizie in breve

L'unione europea cerca di rafforzare la lotta al terrorismo.

KEYSTONE/AP/MARKUS SCHREIBER

(sda-ats)

Il Consiglio Ue ha adottato il regolamento che modifica il codice Schengen e che prevede i controlli sistematici sui database per tutti i cittadini, anche quelli europei, in ingresso e in uscita dalle frontiere esterne.

L'obiettivo è quello di rafforzare la lotta al terrorismo e in particolare al fenomeno dei foreign fighter, di ritorno da Iraq e Siria.

"Il rafforzamento delle nostre frontiere esterne è uno strumento importante per lottare contro la minaccia terroristica in Europa e per migliorare la sicurezza dei nostri cittadini. I controlli sistematici alle frontiere esterne ci forniranno mezzi per affrontare rischi potenziali per la sicurezza interna" del blocco, "inclusi quelli dei foreign fighter", afferma il ministro maltese agli Affari interni Carmelo Abela (presidenza di turno del Consiglio Ue), in una nota.

Consiglio e Parlamento Ue dovranno ora firmare il provvedimento, che entrerà in forza venti giorni dopo la sua pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale europea.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve