Tutte le notizie in breve

Il logo dell'azienda

Keystone/ALEXANDRA WEY

(sda-ats)

Malgrado una situazione di mercato non favorevole e i costi legati alla ristrutturazione Schindler ha proseguito la sua crescita nel primo semestre, aumentando l'utile e il giro d'affari.

A sorpresa il fabbricante lucernese di ascensori e scale mobili ha però corretto al ribasso le previsioni per l'insieme dell'anno e in borsa il titolo è sceso nettamente.

Stando ai dati diffusi oggi dall'azienda di Ebikon (LU), nel periodo gennaio-giugno l'utile si è attestato a 372 milioni di franchi, con una progressione annua del 3,9%. Il risultato operativo Ebit è salito del 5,9% a 504 milioni.

Il fatturato ha raggiunto 4,65 miliardi, con un incremento del 3,4% (+3,9% in valute locali). Buone nuove arrivano anche dal fronte delle nuove commesse, progredite del 2,1% a 5,08 miliardi.

La più forte crescita è stata registrata nelle Americhe, seguite dall'Europa. In Asia ha invece pesato l'indebolimento della domanda di nuove installazioni concernenti la Cina.

La redditività aziendale è migliorata, ma gli oneri legati alla ristrutturazione hanno influito sul secondo trimestre. Come noto Schindler in marzo ha annunciato l'intenzione di delocalizzare verso i paesi asiatici una parte della produzione di Ebikon legata ai componenti per ascensori. La decisione, motivata dagli elevati costi vigenti in Svizzera, ha finora comportato la soppressione di una ventina di impieghi, al posto dei 120 previsti inizialmente su un'unità produttiva che ne ha 200. A livello globale l'organico è aumentato dell'1,2%.

Per il resto dell'anno la direzione si aspetta una contrazione globale del mercato, a causa soprattutto di un rallentamento in Cina e in America latina. La crescita dovrebbe invece rimanere solida nel resto dell'Asia, in Europa e soprattutto nel Nordamerica.

Il gruppo si aspetta una progressione delle vendite del 3-5% in valute locali, contro il 3-7% stimato in precedenza. L'utile netto è atteso a 750-800 milioni.

Gli analisti hanno parlato di risultati solidi: lievemente inferiori alle previsioni riguardo all'utile, più o meno in linea con le aspettative in relazione al giro d'affari e rallegranti per quanto riguarda l'entrata di ordinativi. A far storcere il naso è però l'obiettivo dell'utile annuale: gli osservatori si aspettavano un valore chiaramente superiore agli 800 milioni.

In borsa molti investitori hanno quindi pensato bene di realizzare i guadagni, considerato che ieri il titolo Schindler aveva toccato il valore record di 197,50 franchi: nella prima ora di contrattazioni l'azione perdeva stamane circa il 3%.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve