Tutte le notizie in breve

Schneider-Ammann riceve primo ministro serbo a Berna.

KEYSTONE/EPA KEYSTONE/LUKAS LEHMANN

(sda-ats)

Oggi il presidente della Confederazione Johann Schneider-Ammann ha ricevuto a Berna il primo ministro della Repubblica serba Aleksandar Vučić per un incontro di lavoro.

Si è parlato principalmente delle relazioni bilaterali e commerciali tra i due Paesi così come della situazione economica internazionale, indica il Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca (DEFR) in una nota diffusa in serata.

Durante l'incontro, il presidente della Confederazione ha evidenziato lo sviluppo positivo delle relazioni fra i due Paesi, in particolare nell'ambito delle esportazioni e degli investimenti diretti della Svizzera in Serbia. Sono state inoltre affrontate le sfide legate alla digitalizzazione, precisa il DEFR.

Sono stati anche menzionati i vantaggi di un sistema di formazione professionale di tipo duale, che il primo ministro Vučić auspica introdurre in Serbia. Entrambi si sono rallegrati dei progressi costanti registrati da un progetto congiunto in questo settore, attualmente in corso in Serbia.

Il primo ministro serbo incontrerà mercoledì il Segretario di Stato per la ricerca, la formazione e l'innovazione, il ticinese Mauro Dell'Ambrogio, in occasione del secondo Congresso internazionale sulla formazione professionale che si tiene dal 20 sino al 22 giugno a Winterthur (ZH).

Gli scambi economici fra la Svizzera e la Serbia hanno avuto uno sviluppo favorevole dal 2012, dopo una netta flessione manifestatasi in seguito alla crisi finanziaria ed economica del 2008. Essi hanno raggiunto un volume totale di 348 milioni di franchi nel 2015 (+22 % rispetto al 2014). Lo scorso anno la Confederazione ha esportato per 251 milioni di franchi verso la Serbia e importato per 97 milioni di franchi, precisa il DEFR.

I veicoli e i prodotti farmaceutici sono le principali merci d'esportazione verso la Serbia, mentre la Svizzera importa soprattutto metalli, prodotti agricoli e tessili, conclude la nota.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve