Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il rialzo dei depositi a vista lascia presagire che la Banca nazionale svizzera (BNS) sia intervenuta sui mercati dei cambi la settimana scorsa per contrastare il rafforzamento del franco.

I depositi sono progrediti a 539 miliardi di franchi rispetto ai 535,2 miliardi di sette giorni prima, secondo i dati pubblicati oggi. Il franco si è attestato la settimana scorsa a quota 1,0633 per un euro, sui livelli registrati a giugno con il voto britannico sulla Brexit. Oggi la divisa elvetica è tornata a 1,067 per un euro.

La BNS non ha rilasciato commenti ma operatori ed economisti giudicano probabile che l'istituto sia intervenuto per indebolire il franco.

"Il rialzo dei depositi a vista segnala che la BNS è intervenuta sul mercato dei cambi", afferma Gero Jung, capo economista presso Mirabaud Asset Management, secondo il quale il franco - malgrado queste iniziative - rimarrà forte. La moneta svizzera dovrebbe terminare l'anno attorno a quota 1,06 per un euro, secondo gli scenari elaborati da Mirabaud.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS