Tutte le notizie in breve

Shell taglia altri 2200 posti di lavoro.

KEYSTONE/AP/PETER DEJONG

(sda-ats)

Royal Dutch Shell taglierà altri 2.200 posti di lavoro a livello mondiale entro fine anno per far fronte alla situazione di difficoltà del settore petrolifero.

La riduzione della forza lavoro si aggiunge ai tagli occupazionali già decisi dalla compagnia petrolifera nel quadro dell'acquisizione di BG Group, portando così a 12.500 il totale delle uscite tra il 2015 e il 2016.

Il vice presidente di Shell per il Regno Unito e l'Irlanda, Paul Goodfellow, ha sottolineato in una nota la fase di "recessione prolungata" e che "i tempi sono duri per la nostra industria e dobbiamo prendere ulteriori decisioni difficili per garantire che Shell rimanga competitiva".

sda-ats

 Tutte le notizie in breve