Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un migliaio di persone hanno protestato oggi contro la campagna elettorale dell'UDC valleseana

KEYSTONE/CYRIL ZINGARO

(sda-ats)

Un migliaio di persone si sono riunite oggi a Sion in segno di protesta contro un manifesto elettorale del consigliere di Stato UDC Oskar Freysinger, in corsa per un nuovo mandato. Le elezioni per il rinnovo del governo cantonale si terranno il 5 marzo.

L'annuncio in questione, apparso sulla stampa, mostra una donna piangente con la scritta: "Maria, madre di famiglia, non può più pagare l'affitto. Lo Stato paga 650 mila franchi al mese per l'alloggio dei migranti".

In piazza non ci sono stati discorsi: i manifestanti hanno dapprima osservato un minuto di silenzio e hanno poi intonato l'inno vallesano e il salmo svizzero. Il raduno ha fatto seguito a un appello di un insegnante di Monthey, Yannick Délitroz, che aveva invitato alla ribellione contro la campagna elettorale democentrista.

Alla manifestazione hanno preso parte a titolo privato la consigliera di stato Esther Waeber-Kalbermatten (PS), pure lei in corsa per un nuovo mandato, il suo collega di partito e candidato alle elezioni cantonali Stéphane Rossini, e il consigliere nazionale Mathias Reynard (PS). Oskar Freysinger non ha rilasciato dichiarazioni.

SDA-ATS