Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Immagine diffusa dalla fonte antigovernativa Aleppo 24: si tratterebbe di uno dei camion del convoglio umanitario bombardato

Keystone/AP/UNCREDITED

(sda-ats)

Dopo il raid di ieri su un convoglio umanitario dell'Onu in Siria, le Nazioni Unite sospendono i convogli umanitari. Lo ha annunciato oggi a Ginevra il portavoce dell'Ufficio dell'Onu per gli affari umanitari (Ocha).

"Come misura di sicurezza immediata, gli altri movimenti di convogli in Siria sono stati per ora sospesi in attesa di ulteriori valutazioni della situazione sul fronte della sicurezza. Tuttavia, restiamo impegnati per fornire aiuti a tutti i siriani che li necessitano", ha precisato il portavoce dell'Ocha Jens Laerke.

Il portavoce ha sottolineato che il convoglio di aiuti umanitari attaccato aveva ricevuto tutte le autorizzazioni dal governo ed era stato notificato a tutte le parti in conflitto, ed anche Usa e Russia erano state informate.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS