Siria: primo uso Israele sistema antimissili Arrow-3


 Tutte le notizie in breve

Un apparecchio delle forze aeree israeliane.

Keystone/AP/ARIEL SCHALIT

(sda-ats)

Israele la scorsa notte ha usato per la prima volta il sistema di difesa antimissili Arrow-3 per contrastare un razzo lanciato dall'antiarea siriana dopo un'incursione dell'aviazione dello Stato Ebraico. Lo riporta la Radio militare.

Basandosi su imprecisate fonti arabe, il sito Ynet scrive che gli aerei israeliani hanno colpito in Siria "sistemi sofisticati di combattimento" destinati agli Hezbollah libanesi. Si trattava - aggiunge - "di una fornitura di carattere strategico".

Quando gli aerei israeliani stavano tornando alle loro basi - prosegue il sito - sono stati sparati in loro direzione missili SA-5. La distanza fra quei missili e gli aerei era comunque molto grande e i velivoli non sono stati minacciati.

Ma il ricorso al sistema di intercettamento Arrow-3, concepito e realizzato per intercettare e distruggere missili balistici, è stato deciso egualmente - spiega Ynet - per impedire che uno dei missili siriani esplodesse in territorio israeliano. Frammenti del missile Arrow israeliano sono caduti in territorio giordano.

Sirene di allarme sono risuonate nell'alta valle del Giordano. Due forti echi di esplosioni sono stati uditi anche a Gerusalemme, malgrado la grande distanza dalla zona dell'incidente.

Lo scontro della notte scorsa è considerato il più grave dall'inizio della guerra civile in Siria.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve