Tutte le notizie in breve

Una 'flashmob' organizzato su internet da due turisti tedeschi ha gettato nel panico questa notte una cittadina turistica della Costa Brava, in Spagna, dove centinaia di persone si sono messe a fuggire, senza sapere dove ne perché, pensando ad un attentato jihadista.

Nel clima di tensione dovuto ai recenti attentati in Francia e Germania, lo scherzo dei due turisti ha avuto un effetto senza proporzioni. Circa 200 persone avevano aderito all'iniziativa convocata sulle reti sociali e si erano riuniti ieri in tarda serata nel centro e sul lungomare di Platja d'Aro per simulare una caccia di "paparazzi" ad un "famosO", gridando, correndo e agitando paletti per i selfie e macchine fotografiche.

La gente seduta ai tavolini di ristoranti e bar della località turistica catalana o che passeggiava prendendo il fresco, ha pensato ad un attentato e ha creduto che i ragazzi avessero in mano armi. Tutti si sono messi a correre per allontanarsi dal pericolo, rovesciando sedie e tavoli, e rifugiandosi nei locali ancora aperti, mentre si sentiva gridare "stanno sparando". Ci sono stati alcuni contusi e feriti leggeri.

Due persone con precedenti cardiaci in crisi di ansia sono state ricoverate precauzionalmente. La polizia ha avuto grandi difficoltà a ristabilire l'ordine, riferisce La Vanguardia. I due turisti all'origine dello scherzo sono stati portati in caserma e interrogati durante la notte.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve