Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Persone sulla pista dell'aeroporto di Fort Lauderdale (Florida), teatro della sparatoria.

KEYSTONE/AP/WILFREDO LEE

(sda-ats)

Apre il fuoco nell'area di ritiro bagagli dell'aeroporto internazionale di Fort Lauderdale, nel sud della Florida. E provoca una strage, con almeno cinque morti e otto feriti. A sparare è stato un militare di origine ispanica, Esteban Santiago, 26 anni.

È stato arrestato dalla polizia dopo aver mirato alla testa di una ventina di persone, con l'intenzione di uccidere.

La strage si è verificata poco prima dell'una locale al Terminal 2 dello scalo e, secondo la polizia, ancora non ci sono indicazioni che possa trattarsi di terrorismo. Secondo indiscrezioni, avremmo a che fare con un 'lupo solitario', ma con le poche informazioni a disposizione nessuna pista viene esclusa.

Le forze dell'ordine hanno smentito la possibile presenza di una seconda persona armata, così come la voce che colpi di arma da fuoco sarebbero stati esplosi anche al Terminal 1. "L'aeroporto di Fort Lauderdale è chiuso e lo resterà per molto tempo", fanno comunque sapere le autorità locali.

Il movente non è ancora chiaro: secondo quanto riferito da un testimone, Santiago, rimasto illeso e che la polizia sta interrogando, con indosso una maglietta di Guerre stellari e in tasca una carta d'identità militare, ha aperto il fuoco mirando alla testa delle vittime, senza dire una parola. Dopo una breve pausa per ricaricare l'arma, ha ricominciato a sparare. La polizia presidia l'area e con l'aiuto dell'Fbi ha avviato le indagini.

L'uomo che ha aperto il fuoco sarebbe arrivato con un volo proveniente dal Canada e avrebbe messo la pistola in una borsa imbarcata nella stiva dell'aereo. Lo riporta l'Associated Press citando alcune fonti, secondo le quali l'uomo avrebbe poi caricato l'arma in un bagno dello scalo.

"Sto seguendo da vicino la terribile situazione in Florida. Ho appena parlato con il governatore Scott. State al sicuro", ha twittato Donald Trump, in quella che è stata la sua 'prima sparatoria di massa' da presidente eletto.

Il governatore Rick Scott è atteso da un momento all'altro sul posto per seguire da vicino gli sviluppi. Il presidente Barack Obama è stato informato e segue la situazione. L'incidente all'aeroporto della Florida ha fatto alzare il livello di sicurezza anche allo scalo vicino di Miami, oltreché a quelli di New York.

SDA-ATS