Tutte le notizie in breve

Spese bancarie troppo alte, interviene Mister prezzi (foto d'archivio).

KEYSTONE/MARCEL BIERI

(sda-ats)

I clienti delle banche rinunciano spesso a chiudere un conto o a trasferire i propri titoli. La colpa è delle spese bancarie troppo alte.

Gli istituti, nonostante le continue critiche, non hanno fatto abbastanza, e Mister prezzi ha chiesto ora alla Segreteria di Stato dell'economia (SECO) di intervenire.

Concretamente, la SECO deve verificare se le spese per i trasferimenti violano la Legge federale contro la concorrenza sleale (LCSl). Inoltre, va chiarito se i balzelli per la chiusura di un conto siano leciti, si legge in un comunicato odierno del sorvegliante dei prezzi.

In un'analisi effettuata l'anno scorso, Mister prezzi era giunto alla conclusione che le spese bancarie troppo alte limitano la mobilità dei clienti. Per questo motivo, gli esborsi richiesti sembrano essere più che altro un deterrente nel trasferimento ad altre banche oppure una vera e propria "punizione" per il cambio di istituto.

Le 32 banche analizzate per un trasferimento di una singola posizione del portafoglio titoli chiedono una tassa fra i 50 e i 200 franchi. Per un portafoglio da 60'000 franchi le spese possono quindi oscillare fra i 750 e i 3000 franchi.

I problemi, secondo Mister prezzi, emergono soprattutto in caso di piccoli portafogli, divisione di beni per divorzio, scioglimento di una società o successioni ereditarie.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve