Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

British American Tobacco (BAT) acquisisce il 57,8% mancante di Reynolds American.

Keystone/EPA/FACUNDO ARRIZABALAGA

(sda-ats)

British American Tobacco (BAT) ha firmato un accordo per l'acquisizione del 57,8% di Reynolds American non ancora di sua proprietà. La transazione da 49,4 miliardi di dollari dà vita al più grande colosso del tabacco quotato al mondo, per entrate e valore di mercato.

BAT, che controlla anche Lucky Strike, Dunhill, Kent, Rothmans, punta a diventare leader del tabacco negli Stati Uniti attraverso Reynolds American che a sua volta detiene Camel e Newport.

L'operazione è stata approvata dal consiglio d'amministrazione dei due gruppi ed è avvenuta in parte attraverso uno scambio di azioni e in parte cash. In base all'accordo, gli azionisti di Reynolds riceveranno 29,44 dollari cash e 0,5260 azioni ordinarie BAT per ogni azione Reynolds.

Complessivamente BAT sborserà 24,4 miliardi di dollari liquidi e 25 miliardi di dollari in azioni. Il premium riconosciuto è del 26% calcolato rispetto al valore di chiusura delle azioni Reynolds al 20 ottobre, cioè prima dell'annuncio iniziale dell'operazione dello scorso anno.

L'accordo prevede dunque che ogni azione Reynolds venga pagata 59,64 dollari, si tratta di circa il 5,6% in più dell'offerta di 56,6 dollari ad azione fatta lo scorso 21 ottobre.

Prima di oggi, BAT era già titolare del 42,2% del capitale di Reynolds, quota per la quale aveva pagato 47 miliardi di dollari.

Dopo questa operazione BAT diventa la numero uno del mondo del tabacco per fatturato e utili, mentre si attesta al terzo posto per numero di sigarette vendute, dietro al colosso pubblico cinese China National Tobacco Corporation (CNTC) e a Philip Morris International, che controlla Marlboro, L&M e Chesterfield.

L'accordo segnerà il ritorno di BAT al redditizio e altamente regolamentato mercato americano dopo un'assenza di 12 anni, il che rende l'unico gigante del tabacco con una presenza di primo piano sul mercato americano.

Il nuovo gruppo, ha affermato l'amministratore delegato di Bat, Nicandro Durante, porterà ad "una crescita dei profitti sostenuta e restituirà utili agli azionisti. Si creerà una multinazionale del tabacco e degli Ngp (la prossima generazione di dispositivi legati al tabacco) che darà a i nostri prodotti accesso diretto ai mercati più interessanti del mondo".

SDA-ATS