Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Momento favorevole per chi vuole accedere alla proprietà.

KEYSTONE/JEAN-CHRISTOPHE BOTT

(sda-ats)

I tassi per le ipoteche a tasso fisso sono scesi anche nel secondo trimestre: erano all'1,9% all'inizio dell'anno, dopo tre mesi erano scesi all'1,6% e ora sono all'1,5%.

Contrattando bene è possibile stipulare ipoteche della durata di dieci anni a un tasso dell'1% o addirittura meno, stando al Barometro delle ipoteche del portale di confronto online comparis.ch.

Il calo è iniziato nell'estate del 2015 e ha spostato la domanda verso le ipoteche a dieci anni: alla fine del primo trimestre la domanda era pari all'80% ed è salita all'82% a fine giugno. Per le ipoteche a cinque anni la quota è passata dal 18 al 16%, mentre per quelle di un anno è scesa dal 2,5 all'1,8%.

Il fatto che la Banca nazionale svizzera (BNS) abbia confermato a giugno il tasso d'interesse negativo al -0,75% ha mantenuto basse le aspettative nei confronti degli interessi del mercato ipotecario. "Se la pressione verso l'alto del franco dovesse rimanere elevata, la BNS potrebbe prendere di nuovo in considerazione una riduzione del tasso d'interesse", cosa che potrebbe far calare nuovamente i tassi ipotecari, ha spiegato Marc Parmentier, esperto di banche presso comparis.ch.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS