Tutte le notizie in breve

Oggi Berna si è preparata al Tour de France con una "festa della bicicletta".

KEYSTONE/PETER SCHNEIDER

(sda-ats)

I primi appassionati di ciclismo si sono appostati oggi con i loro camper lungo la strada sopra Mühleberg, alle porte di Berna, alla vigilia dell'arrivo nella Città federale del Tour de France.

Per il resto, nella regione poco fa pensare all'imminenza dell'evento sportivo. In città oggi vi è stata una "festa della bicicletta", che invitava la popolazione a percorrere un tracciato di quattro chilometri in pieno centro con la sola forza delle proprie gambe, che fosse con la due ruote, il monopattino o a piedi. Migliaia di bernesi vi hanno partecipato. Il maxischermo sulla Piazza federale, su cui è stata trasmessa la tappa odierna del Tour, invece non ha richiamato grande folla.

La salita verso l'Heggidorn, nei pressi di Mühleberg, a pochi chilometri dall'arrivo, promette scintille e i camper di fan, soprattutto francesi, tedeschi e della Svizzera centrale vi si sono dati appuntamento sin da oggi. Altrimenti, sul tracciato svizzero della tappa, tra Les Verrières (NE) e la Città federale, solo qualche raro apposito cartello indicatore rivela l'imminente manifestazione agonistica. Le cose cambieranno nella notte: a Berna giungeranno 130 camion carichi di vario materiale.

Accanto alla festa, domani vi sarà spazio per la solidarietà con le vittime dell'attacco di Nizza, ha dichiarato il sindaco della "capitale" Alexander Tschäppät (PS), contattato dall'ats. E proprio in materia di terrorismo, oggi in un'intervista alla Schweiz am Sonntag, il responsabile del dicastero cittadino della sicurezza Reto Nause (PPD) ha affermato che non vi sono indizi di un rischio concreto.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve