Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le emissioni di CO2 non sono le principali responsabili del riscaldamento globale: lo afferma Scott Pruitt, messo dal presidente degli Usa Donald Trump a capo dell'Epa, l'agenzia statunitense per la protezione ambientale.

Una tesi che contrasta con quella di altre agenzie federali che studiano i cambiamenti climatici, come l'agenzia spaziale Nasa e la Nooa (National oceanic and atmospheric administration).

"Penso che misurare l'impatto delle attività dell'uomo sul clima - sostiene Pruitt - sia un qualcosa di molto difficile e oneroso da fare, e c'è un profondo disaccordo sul grado di questo impatto. E io non son d'accordo nel dire che il CO2 sia il principale responsabile del riscaldamento globale".

Lo scorso gennaio Nasa e Nooa presentarono un rapporto da cui emerge che la temperatura della superficie terrestre è salita di due gradi Fareneith 1,1 gradi centigradi) dalla fine del 19esimo secolo, un aumento dovuto soprattutto alle emissioni di CO2 e a ad altre emissioni legate alle attività dell'uomo.

SDA-ATS