Trump: McCain, 'mi preoccupa' come Commander-in-chief


 Tutte le notizie in breve

Il senatore repubblicano John McCain (foto d'archivio).

KEYSTONE/AP dpa/SVEN HOPPE

(sda-ats)

John McCain torna ad attaccare Donald Trump, dicendosi preoccupato delle capacità del presidente americano sui temi di politica estera e di sicurezza nazionale.

''Sono preoccupato'' dice il senatore repubblicano, rispondendo nel corso di un'intervista a Nbc a chi gli chiedeva se avesse fiducia in Trump come commander-in-chief. Il senatore ha espresso anche molti dubbi sul ruolo del controverso stratega Steve Bannon.

Il 'cane sciolto' McCain non ha mai nascosto la sua contrarietà al presidente: con Trump non scorre buon sangue fin dalla campagna elettorale. Ma ora McCain sembra aver assunto la guida della 'rivolta' dei senatori repubblicani contro la Casa Bianca. Nelle ultime ore ha messo in guardia sui rischi dell'atteggiamento di Trump contro la stampa: ''è così che i dittatori iniziano, con la soppressione della libertà di stampa''.

L'ultimo attacco in ordine temporale McCain lo rivolge alla sicurezza nazionale, fra le difficoltà di Trump a sostituire Mike Flynn. I dubbi del senatore sono soprattutto sul ruolo del controverso stratega Steve Bannon. ''Non c'è mai stato un consigliere politico come membro permanente del Consiglio della Sicurezza Nazionale. Il ruolo di Bannon come consigliere politico e membro del Consiglio della Sicurezza Nazionale mi preoccupa molto''.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve