Trump: Messico, punta ad 'autodeportazione' migranti


 Tutte le notizie in breve

Rendere la vita ogni giorno più difficile per obbligare i migranti messicani negli Stati Uniti "all'auto deportazione": è il vero obiettivo di Donald Trump, secondo diversi esperti che stanno seguendo le nuove politiche della Casa Bianca.

Quanto sta facendo il presidente è "di fatto una pulizia etnica che porterà a una crisi umanitaria simile a quella avvenuta in Jugoslavia", sottolinea per esempio la scrittrice e analista Isabel Turrent: "le retate di massa ordinate da Trump puntano a questo", aggiunge.

Per l'ex viceministro degli esteri Enrique Berruga, Trump sta cercando di rendere "miserabile" la vita dei messicani negli Usa, in modo che "siano loro stessi a prendere la decisione di lasciare il Paese". "Siccome è impossibile che riesca a scacciare la quantità di migranti che ha promesso, di fatto Trump cercherà di farlo tramite appunto l'auto deportazione", ha aggiunto Berruga.

Il leader dell'opposizione messicana, Andres Lopez Obrador, ha chiesto al presidente Enrique Pena Nieto di citare Trump dinnanzi all'Onu per "violazione dei diritti umani e discriminazione razziale". Lopez Obrador, che si è riferito alle politiche migratorie di Washington durante una visita nel Chiapas, si sta preparando ad affrontare quale candidato della sinistra la sua terza campagna elettorale in vista delle elezioni nel 2018.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve