Tutte le notizie in breve

Donald Trump

KEYSTONE/AP/KEITH SRAKOCIC

(sda-ats)

Il mondo ha scarsa fiducia in Donald Trump e nella sua capacità di gestione della politica estera, con solo il 9% degli europei che lo appoggiano a fronte di un 85% che ha delle 'riserve'.

Ma il miliardario accorcia in casa le distanze su Hillary Clinton, che ha un vantaggio di soli due punti percentuali.

A sostegno del candidato repubblicano si prepara intanto a scendere in campo la potente lobby delle armi americane con una campagna pubblicitaria da due milioni di dollari che colpisce Hillary nel suo 'tallone d'Achille', l'attacco a Bengasi.

Un caso che, nonostante l'ultimo rapporto della Camera che scagiona Clinton, continua a non dare pace all'ex segretario di stato. Hillary potrà invece contare dalla prossima settimana su Barack Obama, che si presenterà ufficialmente come sostenitore di quella che è stata la sua rivale nelle elezioni del 2008.

Due sondaggi condotti da due diversi istituti di ricerca fotografano le due facce della corsa alla Casa Bianca. La 'facciata' americana in cui Trump recupera terreno su Hillary: il tycoon - secondo un sondaggio di Quinnipac University - ha il 40% delle preferenze a fronte del 42% di Hillary, ritraendo un elettorato fortemente polarizzato ma d'accordo su un punto: nessuno dei due candidati sarà un buon presidente. Una bocciatura che arriva dal 61% degli americani, convinti che i toni della campagna finora portata avanti abbiano aumentato l'odio e il pregiudizio nel Paese.

La 'facciata' estera mostra una sfiducia generalizzata in Trump. Secondo un sondaggio di Pew Research Center, l'Europa è il Paese più severo con il tycoon. A bocciarlo duramente è il 92% degli svedesi, l'89% dei tedeschi, l'88% degli olandesi e l'85% di francesi e inglesi. In Italia il 21% ha fiducia nella capacità di Trump di navigare nelle questioni internazionali.

Al di fuori dell'Europa, le prospettive di Trump non sono migliori. In Australia l'87% non ha fiducia nel miliardario statunitense, contro l'80% dei canadesi e l'82% dei giapponesi.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve