Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il 26/enne turco Oguzhan Aydin, condannato nel 2006 a 18 anni e 10 mesi di prigione come assassino reo confesso del sacerdote italiano Andrea Santoro, è stato liberato nei giorni scorsi con più di 10 anni di anticipo rispetto alla scadenza della pena.

Secondo le informazioni riportate dalla stampa turca, rilanciate dall'agenzia vaticana Fides, Aydin è uno delle decine di migliaia di detenuti scarcerati prima del tempo per liberare le celle necessarie alla detenzione delle migliaia di persone arrestate dopo il fallito colpo di stato dello scorso 15 luglio.

L'omicidio di don Andrea Santoro, missionario romano, avvenne il 5 febbraio 2006, mentre il sacerdote italiano si trovava in preghiera nella chiesa di Trabzon (Trebisonda) dove svolgeva la sua opera pastorale. L'assassino, prima di trafiggerlo con due colpi di pistola, aveva urlato "Allahu Akbar" ("Allah è grande").

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS