Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Utile in sensibile calo nel 2016.

KEYSTONE/ENNIO LEANZA

(sda-ats)

L'utile netto di UBS nel 2016 ha fatto segnare un calo del 47% rispetto all'anno precedente, a 3,3 miliardi di franchi. La contrazione riguarda sia la gestione patrimoniale che l'investment banking, rende noto il numero uno bancario stamani in una nota.

Nonostante condizioni di mercato molto difficili e il permanere di incertezze macroeconomiche e geopolitiche, nel 2016 UBS ha messo a segno ottimi risultati gestendo risorse e rischi con prudenza, sostiene la banca nel comunicato.

Lo scorso anno l'istituto di credito ha messo a segno un utile ante imposte rettificato di 5,4 miliardi di franchi, che tiene conto degli oneri da accantonamenti per contenziosi legali e questioni regolamentari per 693 milioni e spese di ristrutturazione per 1,46 miliardi.

La riduzione dell'utile va attribuita in particolare ai settori della gestione patrimoniale internazionale e della banca d'investimento. Il primo ha fatto segnare un utile ante imposta di 1,9 miliardi di franchi, contro 2,7 nel 2015; il secondo uno di 1,0 miliardi, nettamente inferiore agli 1,9 miliardi dell'anno precedente.

Anche nel quarto trimestre l'utile si è contratto, passando su base annua da 949 a 738 milioni di franchi. Tra inizio ottobre e fine dicembre, UBS ha messo in conto accantonamenti per contenziosi legali e questioni regolamentari di complessivi 162 milioni e spese per ristrutturazione di 372 milioni.

Nonostante le incertezze macroeconomiche, le tensioni geopolitiche e alcune scelte politiche disgreganti continuino a influenzare l'atteggiamento dei clienti e i volumi delle transazioni, UBS osserva un miglioramento della fiducia degli investitori, soprattutto negli Stati Uniti, che potrebbe favorire le attività di gestione di patrimoni, si legge nel comunicato.

Tassi d'interesse più bassi del previsto o addirittura negativi, soprattutto in Svizzera e nell'eurozona, continuano a rappresentare un ostacolo per i margini d'interesse netti, ma ciò potrebbe essere neutralizzato da tassi d'interesse sul dollaro statunitense più elevati.

SDA-ATS