Uccisioni a Laupen (BE) e Zurigo: trovato lo stesso DNA


 Tutte le notizie in breve

Sui due luoghi del delitto tracce di Dna dello stesso uomo

(sda-ats)

Tracce di DNA riconducibili alla stessa persona sono state trovate sulle scene di due crimini non ancora risolti commessi a distanza di cinque anni: l'uccisione di una psicoanalista di 56 anni nel 2010 a Zurigo e quella di una coppia di anziani a Laupen (BE) nel 2015.

L'unico indizio concreto che permette di mettere in relazioni i due crimini sono le tracce di DNA riconducibili a una "persona di sesso maschile", ha reso noto oggi il Ministero pubblico del canton Zurigo.

Il 15 dicembre 2010 una psicoanalista di 56 anni fu ritrovata morta nel suo studio a Zurigo, nel quartiere dei VIP di Seefeld. La vittima, una cittadina svizzera di origini cilene, sposata e con una figlia di 14 anni, fu uccisa a coltellate.

Quella sera la polizia passò al setaccio l'intero quartiere e interrogò diverse persone. A distanza di qualche mese diverse dozzine di uomini furono sottoposti a test del DNA per verificare la compatibilità con le tracce trovate sul luogo del crimine, ma il presunto responsabile non è stato trovato.

A cinque anni esatti di distanza, il 15 dicembre 2015, un 74enne e la moglie di 64 anni furono uccisi nel loro appartamento di Laupen (BE). I due cadaveri, che riportavano ferite provocate da armi da taglio o oggetti contundenti, furono ritrovati tre giorni più tardi. L'automobile della coppia fu trovata nel centro della città di Berna, portata lì probabilmente da terze persone.

Anche in questo caso, gli inquirenti bernesi hanno esaminato numerosi indizi e sono risaliti a tracce di DNA che sono risultate identiche a quelle ritrovate sulla scena del crimine di Zurigo. Stando alla nota, la notizia dell'"indizio comune" è stata resa nota soltanto ora per permettere agli inquirenti bernesi di portare a termine i loro interrogatori e di eseguire diversi test del DNA.

I due Ministeri pubblici rilanciano ora i loro appelli a eventuali testimoni in grado di fornire elementi utili alle indagini. Nelle due inchieste sono state fissate ricompense per complessivi 30'000 franchi: 20'000 franchi per il delitto di Zurigo e 10'000 per quello di Laupen (BE).

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve