Tutte le notizie in breve

Il presidente ucraino Petro Poroshenko (foto d'archivio).

Keystone/EPA/ROMAN PILIPEY

(sda-ats)

I cittadini ucraini Ghennadi Afanasiev e Iuri Soloshenko stanno per tornare in patria dalla Russia, dove erano stati condannati rispettivamente a sette anni per "terrorismo" e a sei anni per "spionaggio".

A comunicarlo è il presidente ucraino Petro Poroshenko citato da Ukrainska Pravda.

Secondo alcuni media, i due ucraini potrebbero essere scambiati con due russi, Ievgheni Mefiodov e Maksim Sakauov, dietro le sbarre in Ucraina per i sanguinosi disordini di Odessa del 2014.

Afanasiev, arrestato nel maggio del 2014, era accusato di essere "complice" del regista ucraino Oleg Sentsov, condannato in Russia a 20 anni di reclusione in un controverso processo perché accusato di organizzare "atti di terrorismo" nella sua Crimea un paio di mesi dopo l'annessione della penisola da parte di Mosca.

Iuri Soloshenko, 73 anni, ex direttore in pensione dell'azienda statale ucraina Znamia, che produceva componenti elettriche per i sistemi di difesa aerea a Poltava, era stato condannato nel 2015 per spionaggio a favore dell'Ucraina in un processo a Mosca a porte chiuse. Secondo l'Fsb, Soloshenko è stato arrestato nella capitale russa nell'agosto 2014 mentre acquistava componenti segrete dei missili S-300.

Kiev considerava sia Afanasiev sia Soloshenko dei "prigionieri politici".

sda-ats

 Tutte le notizie in breve