Tutte le notizie in breve

Mano pesante di Bruxelles per cartello costruttori di camion

Keystone/MARTIN RUETSCHI

(sda-ats)

Multa record da quasi 3 miliardi di euro complessivi per un cartello nel comparto dei produttori di camion. L'ha decisa l'Antitrust Ue nei confronti di Volvo/Renault, Daimler, Iveco e Daf. Graziata la Man, che ha rivelato l'intesa illegale a Bruxelles.

Daimler da sola dovrà pagare oltre 1 miliardo, la più alta, mentre Iveco la più bassa, quasi 500 milioni. Secondo l'accusa, i produttori si sarebbero accordati sui prezzi di listino e sull'adozione di tecnologie sulle emissioni.

L'intesa illegale è andata avanti per ben 14 anni, dal 1997 al 2011, e ha riguardato il coordinamento dei prezzi al livello delle liste all'ingrosso per mezzi medi e pesanti in Europa, la tempistica per l'introduzione delle tecnologie per la riduzione delle emissioni dall'Euro 3 all'attuale 6, e lo scaricare sui consumatori il costo di queste ultime.

"Non è accettabile che Man, Volvo/Renault, Daimler, Iveco e Daf, che insieme producono 9 su 10 mezzi medi e pesanti in Europa, fossero parte di un cartello anziché farsi concorrenza tra di loro", ha dichiarato la commissaria Ue alla concorrenza Margrethe Vestager, per questo "oggi abbiamo imposto una multa record" da 2.926.499.000 di euro "per una grave violazione".

"Questo è anche un messaggio chiaro", ha aggiunto la commissaria, "che i cartelli non sono accettati". Tutti i costruttori hanno riconosciuto il loro coinvolgimento e hanno concordato con Bruxelles di chiudere il caso, e sono quindi state applicate sanzioni leggermente ridotte. A parte Man che ha rivelato l'intesa, e quindi si è vista annullare integralmente le sanzioni, Volvo/Renault dovrà pagare 670,448mln di euro di multa (con uno 'sconto' del 40%), Daimler 1,008 mld (30% di 'sconto'), Iveco 494,606mln (10% 'sconto'), Daf 752,679mln (10% di 'sconto').

sda-ats

 Tutte le notizie in breve