Tutte le notizie in breve

Il costo orario del lavoro nell'Eurozona è salito dell'1,7% nel primo trimestre rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Nell'ultimo trimestre 2015 era aumentato dell'1,3%. Lo comunica Eurostat.

Nell'Ue nel suo insieme, l'indice è ugualmente salito dell'1,7% mentre nell'ultimo trimestre 2015 era aumentato del 2%. L'Italia è il Paese Ue che ha registrato invece il maggior calo, con un taglio di -1,5%. Nell'ultimo trimestre 2015 la riduzione era stata addirittura del 2,1%.

Il solo altro Paese Ue dove è nei primi tre mesi del 2016 è diminuito il costo del lavoro è Cipro, con -0,5%. Gli aumenti maggiori, invece, sono stati registrati in Romania (+10,4%), Bulgaria (+7,7%), Estonia (+6,9%), Lituania (+6,1%) e Lettonia (+4,7%).

sda-ats

 Tutte le notizie in breve