Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Paul Magnette, ministro-presidente della regione belga della Vallonia

KEYSTONE/AP/CHRISTOPHE ENA

(sda-ats)

Il Ceta (Comprehensive Economic and Trade Agreement), l'accordo di libero scambio fra Unione europea e Canada, è già a rischio: il parlamento regionale della Vallonia, regione francofona nel sud del Belgio, ha respinto l'accordo per 46 voti a 16.

In questo modo, manca già di fatto la ratifica del Belgio, mentre è necessaria l'approvazione unanime di tutti i 28 Stati Ue.

La costituzione belga prevede infatti che un accordo internazionale, per essere accettato dal governo centrale di Bruxelles, debba prima essere ratificato da tutte e sette le regioni e comunità linguistiche in cui è diviso il Paese.

Il parlamento vallone ha accolto i timori che l'accordo di libero scambio possa minacciare posti di lavoro, consentendo importazioni di prodotti agricoli e industriali a buon mercato dal Canada.

"Non darà i poteri al governo federale e il Belgio non firmerà il Ceta il 18 ottobre", ha dichiarato il ministro-presidente della Vallonia, Paul Magnette, al parlamento regionale dopo il voto.

I ministri europei per il commercio estero stanno al momento studiando la possibilità di prendere alcune parti dell'accordo e metterle al riparo della ratifica unanime di tutti gli Stati membri. I detrattori del Ceta, dal canto loro, temono che una sua approvazione sarebbe un viatico per la finalizzazione del trattato di libero scambio onnicomprensivo Ue-Stati Uniti del Ttip, dalle implicazioni molto più controverse, sul quale Bruxelles e Washington conducono da anni una spinosissima trattativa tutta in salita.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS