Tutte le notizie in breve

Caso BSI: un colpo durissimo alla piazza finanziaria, secondo Fabio Abate (foto d'archivio).

KEYSTONE/TI-PRESS/PABLO GIANINAZZI

(sda-ats)

Quanto accaduto con BSI è un colpo durissimo alla piazza finanziaria ticinese e alla sua immagine all'estero.

Lo ha dichiarato oggi all'ats il consigliere agli Stati Fabio Abate (PLR), aggiungendo che quanto accaduto è "frustrante" per chi a Berna cerca di "sensibilizzare sulla necessità, nell'ambito dell'accordo fiscale con Roma, di ottenere in contropartita l'accesso al mercato finanziario italiano".

Il danno all'immagine della piazza finanziaria rischia insomma di offuscare tutto quanto si è fatto di buono nel Ticino per rispettare le rigide norme antiriciclaggio in vigore nel nostro Paese, ha spiegato il "senatore" ticinese.

Senza voler assolutamente minimizzare quanto accaduto, secondo Abate però il lavoro della FINMA, l'autorità di sorveglianza dei mercati finanziari solleva qualche interrogativo che merita di essere approfondito. In particolare, "non si capisce come mai, se i fatti contestati sono cosi gravi, la FINMA non abbia estratto subito il cartellino rosso al primo avvertimento - ce ne sarebbero stati addirittura due, n.d.r - accontentandosi invece di quello giallo".

L'avvio di una procedura da parte del Ministero pubblico della Confederazione, guidato da un esperto di lotta al riciclaggio, potrebbe forse aver dato quella "scossa" alla FINMA che ha portato alla decisione che conosciamo.

Per quanto riguarda il futuro della banca, Abate si è detto preoccupato per i posti di lavoro. Tutto dipenderà dal margine di manovra, se ci sarà, che BSI riuscirà a conservare dopo la fusione con EFG.

Il consigliere agli Stati si è detto anche preoccupato per le notizie di stampa secondo cui altre banche elvetiche potrebbero essere implicate nella malversazioni attorno al fondo sovrano malese. È importante, a suo avviso, che si faccia chiarezza in tempi brevi su questo aspetto per potersi fare un'idea più precisa delle dimensioni del problema.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve