Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Sulla sinistra Gwen Ifil, una delle più note conduttrici televisive americane (foto d'archivio).

Keystone/AP/ALEX BRANDON

(sda-ats)

Lutto nel mondo dell'informazione americana. A 61 anni è morta in un ospedale di Washington, Gwen Ifil, una delle più note conduttrici televisive americane. Aveva un tumore all'endometrio.

La notizia della morte è stata confermata da Pbs, il network pubblico per il quale lavorava. Ifil, che aveva scoperto di aver un tumore alla fine del 2015, è stata tra le prime donne a condurre edizioni serali dei telegiornali e da afro-americana, inoltre, ha infranto diverse barriere nel settore dell'informazione.

Nata a New York, Gwen Ifil ha lavorato sia per il New York Times che per il Washington Post, prima di passare a Pbs nel 1999. Rinomata analista politica, l'anchor ha moderato due dibattiti tra vice presidenti, nel 2004 e nel 2008 e l'anno scorso ha moderato il dibatto delle primarie tra gli allora aspiranti democratici alla presidenza Hillary Clinton e Bernie Sanders. È stata poi costretta a interrompere i suoi impegni per via della malattia, ma mentre si sottoponeva alle cure è comunque riuscita a intervistare il presidente Obama.

Mercoledì prossimo avrebbe dovuto ritirare alla Columbia University il premio 'John Chancellor Award'. È stata anche tra i vincitori dell'Urbino Press Award, il premio italiano che ogni anno viene assegnato ad un giornalista americano.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS