Tutte le notizie in breve

Nelle primarie del Wisconsin vincono con oltre il 50% Ted Cruz e Bernie Sanders, gli inseguitori dei due favoriti.

Con oltre il 50% dei voti scrutinati, il senatore repubblicano trionfa con quasi 20 punti di vantaggio in un altro grande Stato, dopo il suo Texas, accreditandosi come l'unico in grado di fermare Donald Trump e ridisegnando i contorni della gara nelle fila del Grand old party. L'establishment del partito fa quadrato su di lui pur di fermare il tycoon, come ha accusato lo stesso Trump.

"Una vittoria incredibile, un momento di svolta, ora abbiamo veramente una scelta", ha commentato il senatore ultra conservatore davanti ai suoi fan in tripudio, prima di essere abbracciato da quella che lui ha già definito la prossima first lady.

Nel fronte democratico, Sanders coglie un successo importante proseguendo la striscia di vittorie, la sesta consecutiva. "Wisconsin, oggi hai mandato un messaggio forte: quando stiamo insieme non c'è niente che non possiamo raggiungere", ha commentato il senatore 'socialista', definendo la vittoria "un segno del crescente momentum della nostra campagna". Dalla sua l'affluenza record intorno al 40%, l'alta percentuale di indipendenti, la composizione demografica e sociale dell'elettorato (in maggioranza bianchi, working e middle class).

Con oltre il 50% dei voti scrutinati, il distacco è netto, oltre 10 punti (55% a 44%), anche se non tale da fargli guadagnare molto nel conteggio dei delegati, 86 assegnati in modo proporzionale. Ma è abbastanza per proseguire con entusiasmo la corsa e guardare con ottimismo ad una sfida cruciale, quella di New York il 19 aprile. Hillary Clinton, che si è congratulato con lui, lo attende già lì: stasera, fiutando forse la sconfitta, non era in Wisconsin ma nella Grande Mela a raccogliere fondi elettorali. In questo Sanders continua a batterla da tre mesi.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve