Tutte le notizie in breve

A 80 km/h in autostrada nelle ore di punta: è questa la proposta dell'Ufficio federale delle strade (USTRA) per ridurre le colonne (foto d'archivio).

KEYSTONE/CYRIL ZINGARO

(sda-ats)

A 80 km/h in autostrada nelle ore di punta: è questa la proposta dell'Ufficio federale delle strade (USTRA) per ridurre le colonne. Secondo il suo direttore Jürg Röthlisberger, si tratta di una misura "molto efficace" anche se poco popolare.

In un'intervista rilasciata al quotidiano svizzerotedesco Blick, Röthlisberger ha dichiarato che sarà difficile spiegare e convincere la popolazione sulla pertinenza del provvedimento. Ma, a suo avviso, è "meglio viaggiare più lentamente che trovarsi rapidamente nelle code".

Non si tratta di "tormentare le persone", ma di tener conto delle leggi della fisica. Con una velocità di 80 km/h il traffico sarà più fluido, poiché la distanza tra i veicoli può essere ridotta e la misura porterà a meno incidenti. "In futuro, dovremo servirci maggiormente di questo strumento sui principali assi stradali", ha rilevato il direttore dell'USTRA.

Secondo Röthlisberger, i costi legati agli ingorghi sono attualmente "enormi" e la situazione "inaccettabile", in particolare sulle autostrade dell'Altipiano. "La durata di un tragitto è difficilmente pianificabile". Ci sono due soluzioni per migliorare le cose: "ampliare la superficie di circolazione e ottimizzare la zona disponibile". Entrambe sono necessarie.

A corto termine, il direttore dell'USTRA è favorevole all'uso delle corsie d'emergenza vicino ai grandi centri. Tale soluzione esiste già dal 2010 tra Morges e Ecublens, nel canton Vaud, ed è stata valutata positivamente in un recente rapporto. "Anche nella zona attorno a Winterthur (ZH) saranno effettuati prossimamente dei test e tra qualche anno 170 km di autostrade saranno resi più fluidi".

sda-ats

 Tutte le notizie in breve