Tutte le notizie in breve

Da oggi i dipendenti pubblici venezuelani dovranno lavorare solo due giorni alla settimana, il lunedì e il martedì. Stretto alle corde dalla crisi energetica che attanaglia il Paese, il presidente Nicolas Maduro ha infatti tagliato la settimana lavorativa negli uffici

Da oggi, dunque, i circa 2,8 milioni statali venezuelani lavoreranno solo i primi due giorni della settimana dopo che il loro orario di lavoro era già stato ridotto a 6 ore quotidiane, dalle 7 del mattino alle 13.00.

La nuova misura per il settore pubblico - lo scorso 6 aprile il governo aveva già annunciato che negli uffici e nelle aziende statali non si sarebbe lavorato il venerdì nei mesi di aprile e maggio, mentre nessun limite temporale è stato fissato per la decisione annunciata ora - si aggiunge ad altre iniziative lanciate per risparmiare energia.

Già dal febbraio scorso, infatti, il governo ha ordinato ai centri commerciali di ridurre gli orari di apertura e di generare la propria energia, mentre dalla prossima settimana entrerà in vigore la nuova ora legale: le lancette verranno spostate avanti di mezz'ora per risparmiare elettricità nel tardo pomeriggio. A questo si aggiungono i blackout programmati, di quattro ore al giorno, che sono partiti due giorni fa e hanno già provocato malcontento e proteste stradali a Maracaibo, capitale dello stato di Zulia e seconda città più importante del paese.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve