Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La presidente della Confederazione Doris Leuthard durante il suo discorso di benvenuto al WEF martedì.

KEYSTONE/LAURENT GILLIERON

(sda-ats)

Svizzera e Québec vogliono rafforzare la collaborazione su energia e protezione del clima. La consigliera federale Doris Leuthard e il primo ministro della provincia canadese hanno sottoscritto a margine del WEF una dichiarazione d'intenti in questo senso.

Gli obiettivi contenuti nel documento riguardano l'efficienza energetica nel settore degli edifici e nell'industria, oltre alla riduzione delle emissioni del traffico stradale, si legge in una nota dell'Ufficio federale dell'energia (UFE). La cooperazione riguarda anche le energie rinnovabili e le reti di stoccaggio di energia.

Berna e Québec hanno obiettivi di politica energetica molto simili, ha dichiarato dopo la firma la ministra elvetica. Come la Svizzera, la provincia canadese punta molto sull'idroelettrico, anche se su scala più grande. "La nostra infrastruttura è in parte vecchia e deve essere rinnovata", ha rilevato Leuthard, sottolineando come i due Paesi potranno trarre beneficio dalle relative esperienze.

Anche il primo ministro Philippe Couillard si è rallegrato della cooperazione, dicendosi convinto che le priorità fissate nel memorandum siano fondamentali per la lotta al cambiamento climatico.

Rafforzando la collaborazione, Svizzera e Québec, entrambi dotati di eccellenti centri di ricerca e di imprese tecnologiche all'avanguardia, contribuiranno a una più rapida affermazione delle soluzioni innovative, precisa la nota dell'UFE.

L'origine della dichiarazione d'intenti risale alla visita di lavoro di Leuthard in Canada nell'ottobre del 2016, in occasione della quale ha discusso con il primo ministro del Québec di possibili cooperazioni nel settore energetico e climatico.

SDA-ATS