Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La presidente della Confederazione Doris Leuthard (foto d'archivio).

KEYSTONE/ANTHONY ANEX

(sda-ats)

Serie di colloqui bilaterali al WEF di Davos (GR) per la presidente della Confederazione Doris Leuthard. Al centro delle discussioni le relazioni tra Svizzera e Ue, la politica energetica e climatica, la migrazione e le sfide legate alla sicurezza.

Il presidente ucraino Petro Poroschenko è stato informato del prossimo versamento da parte della Banca nazionale svizzera (BNS) della prima tranche di 100 milioni di dollari nel quadro del programma di aiuto monetario multilaterale coordinato dal Fondo monetario internazionale (FMI).

La Svizzera partecipa al progetto coordinato dal FMI per stabilizzare finanziariamente l'Ucraina, che negli ultimi due anni ha intrapreso grandi sforzi per attuare riforme, ricorda una nota della Segreteria di Stato per le questioni finanziarie internazionali (SFI).

Ai capi di governo di Austria, Belgio e Croazia e al vicepresidente della Commissione europea Maros Sefcovic, Leuthard ha illustrato le decisioni in materia di migrazione adottate dal parlamento e dal Consiglio federale alla fine dello scorso anno e gli obiettivi della politica europea elvetica, precisa un comunicato del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).

L'incontro con Philippe Couillard, primo ministro della provincia canadese del Québec, si è focalizzato sulla collaborazione in materia energetica e climatica, che è stata oggetto di un'intesa sottoscritta dalle due parti.

Si sono inoltre svolti incontri con il presidente della Colombia, Juan Manuel Santos e con quello dell'Azerbaigian, Ilham Alijew, nonché con i seguenti capi di governo: Aleksandar Vucic (Serbia), Giorgi Kwirikaschwili (Georgia), Ranil Wickremesinghe (Sri Lanka), Hun Sen (Cambogia), Nguyen Xuan Phuc (Vietnam), Nawaz Sharif (Pakistan), Youssef Chahed (Tunisia) e Hailemariam Dessalegn (Etiopia), precisa il DATEC.

A Davos la presidente della Confederazione ha anche partecipato a due dibattiti pubblici.

SDA-ATS