Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La moschea An'Nur di Winterthur

KEYSTONE/WALTER BIERI

(sda-ats)

Saranno poste in carcerazione preventiva otto delle 10 persone arrestate martedì mattina e legate alla controversa moschea An'Nur di Winterthur (ZH), spesso accusata di essere luogo di radicalizzazione islamista. Lo ha stabilito il tribunale delle misure coercitive.

Lo riferisce oggi la procura di Winterthur/Unterland, precisando che tra gli arrestati posti in preventiva figura anche un 17enne, messo in custodia della Procura minorile di Winterthur. Una persona è stata nel frattempo già liberata.

Secondo gli inquirenti, il 22 novembre scorso le persone arrestate, uomini tra i 17 e i 53 anni, avrebbero aggredito all'interno del luogo di culto due fedeli sospettati di aver trasmesso informazioni interne a un giornalista. I due sarebbero stati maltrattati, rinchiusi e minacciati di morte con le loro famiglie.

Gli arrestati sono accusati di aggressione, sequestro di persona, minaccia, coazione e lesioni personali. Attualmente sono interrogati dalla polizia e dalla procura. Quest'ultima prevede che "l'inchiesta sarà impegnativa e richiederà diverse settimane, se non mesi". Gli inquirenti informeranno a tempo debito.

SDA-ATS