Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le donne incinte o che pianificano una gravidanza dovrebbero evitare undici paesi del sud est dell'Asia per il rischio Zika.

Lo afferma il Centro per la prevenzione e il controllo delle malattie (Cdc) di Atlanta in un comunicato in cui si dice 'preoccupato' dal possibile dei casi nell'area.

I paesi individuati dall'agenzia statunitense, la prima ad emanare un 'warning' preliminare per l'area, sono Brunei, Myanmar, Cambogia, Indonesia, Laos, Malesia, Maldive, Filippine, Tailandia, Timor est e Vietnam.

Proprio in Thailandia sono stati individuati due casi di microcefalia legati all'infezione da virus Zika, i primi dell'area. Per il momento l'agenzia 'sconsiglia' i viaggi, ma la situazione non è ancora grave come quella di altri paesi colpiti. "Non è ancora un avviso ufficiale come quelli già emanati per Singapore e il Brasile - specifica il Cdc - ma stiamo contemplando questa ipotesi se il numero dei casi continuerà a salire".

Secondo il bollettino dell'Oms quasi 2mila casi di microcefalia legata a Zika sono stati accertati in Brasile, il paese più colpito finora. Studi preliminari hanno trovato un rischio di malformazioni per le donne infette in gravidanza che varia tra il 3% e il 13%, ma secondo diversi esperti il tasso potrebbe essere molto maggiore".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS