Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Un edificio ricco di storia Sulle tracce dei fantasmi del Palazzo delle Nazioni

Mentre il Palazzo delle Nazioni di Ginevra - la sede europea dell’ONU - sta per subire un’ampia ristrutturazione, il fotografo François Vermot ha catturato le diverse epoche riflesse dall’edificio e dal suo arredamento. Sono immagini che evocano lo stile e l’atmosfera degli anni ’30 e ’70 del secolo scorso.

Intitolata “L’impronta diplomatica”, la serie fotografica non raffigura nessuno. Una scelta che apre la strada verso un viaggio nel tempo e verso l’immaginario, per usare le parole di François VermotLink esterno.

«In numerosi angoli reconditi del Palazzo delle Nazioni, il visitatore è trasportato nel passato, da qualche parte negli anni ’30 o ’70, rispettivamente le epoche della costruzione e dell’ampliamento del sito».

L’architettura è autoritaria e la casa del mondo è stata costruita con intenzioni chiare. Ma nella pratica, quest’aura originale è rimessa in questione dall’attività degli uomini. L'arredamento, che doveva essere raffinato e rappresentativo della funzione del luogo, è stato rivisto e adeguato in diversi punti per rispondere alle esigenze dei diplomatici. Lo stesso succede nel mondo all’esterno, quando le intenzioni umaniste si scontrano con la realtà degli umani.

Entro il 2023 l’edificio sarà - per la prima volta - interamente rinnovato. I lavori sono già in corso.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Contenuto esterno

Sondaggio

Elezioni federali 2019

Elezioni federali 2019

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.