Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La votazione federale di domenica scorsa rivela ancora una volta la spaccatura che si è delineata negli ultimi anni tra città e campagna.

KEYSTONE/GAETAN BALLY

(sda-ats)

La votazione federale di domenica scorsa rivela ancora una volta la spaccatura che si è delineata negli ultimi anni tra città e campagna.

Gli svizzeri che vivono in zone rurali hanno infatti respinto il testo per l'abbandono del nucleare con il 59% dei voti, quelli che abitano in spazi urbani l'hanno invece accolto con il 56% di "sì".

È quanto emerge da un sondaggio post votazione svolto da Tamedia. Dall'inchiesta risulta inoltre che le persone di oltre 65 anni hanno detto chiaramente di "no" all'iniziativa con il 60% dei suffragi.

I minori di 34 anni e le persone tra i 50 ai 64 anni erano contrari al testo nella stessa misura. I "sì" e i "no" sono infine stati equilibrati tra i cittadini d'età compresa tra i 35 e i 49 anni.

L'argomento più citato per il "sì" è che l'uscita dal nucleare era l'occasione di promuovere le energie rinnovabili (30%). Per il 27% invece il proseguimento dell'esercizio delle centrali è troppo pericoloso. Tra gli oppositori invece la motivazione principale è stata la minaccia di dipendere dall'importazione dall'estero di energia prodotta da carbone e atomi (33%).

I votanti in possesso di un diploma universitario hanno approvato l'uscita dal nucleare con il 55% dei voti, mentre la maggioranza delle persone con altri gradi di formazione hanno respinto il testo.

Senza sorpresa, i sostenitori più numerosi dell'iniziativa sono stati i seguaci dei socialisti, dei Verdi e dei Verdi liberali (almeno nella misura del 77%) e gli oppositori quelli del PLR, del PPD, dell'UDC e del PBD (almeno il 62%).

Per il 45% dei partecipanti al sondaggio non esiste scenario per cui accetterebbero la realizzazione di una nuova centrale nucleare, mentre il 25% lo farebbe se arrivasse una nuova tecnologia con meno rischi. Infine, il 13% è semplicemente favorevole alla costruzione.

I risultati dell'inchiesta sono stati tratti dalle 12'329 risposte pervenute online tra il 25 e il 27 novembre. Il margine d'errore è del +/- 2,2%.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS