"Metto tutto in discussione, ma la verità non la conosco"

swissinfo.ch

Il giornalista di swissinfo.ch Peter Siegenthaler andrà in pensione alla fine di maggio. Gli abbiamo rivolto alcune delle domande che ha posto ad altre persone durante gli ultimi anni della sua carriera.

Peter Siegenthaler, lei lavora da 36 anni nel giornalismo svizzero, 13 dei quali presso swissinfo.ch. Ora le faremo alcune domande, di cui forse ancora si ricorda. In altre occasioni, le ha rivolte ad altre persone. Dopotutto, nel corso degli anni, lei si è sempre impegnato in favore di un giornalismo critico.

swissinfo.ch: È però stata una ragazza di 16 anni a convincere i politici ad agire. Non è un po' frustrante?

Peter Siegenthaler: Stiamo parlando di Greta Thunberg. Ho posto la domanda a un politico ecologista. No, non sono frustrato. Ne sono felice. Si tratta della generazione più giovane, del futuro di mia figlia e di mia nipote. È bello vedere dei giovani che si mettono d'accordo per fare qualcosa per il clima.

Indossa una maschera protettiva, ad esempio quando va a fare la spesa?

Finora no. Ma ne avrò una con me quando viaggerò in treno o in autobus. Non so ancora se ne indosserò una anche per fare la spesa.

Alcuni media stranieri continuano a dipingere la Svizzera come una roccaforte della xenofobia. Condivide questa valutazione?

No. La xenofobia esiste in Svizzera, così come c'è in molti altri Paesi, dove è forse ancora più evidente. Nel nostro Paese, il partito più xenofobo riunisce circa un terzo di tutti gli elettori, ciò che è troppo.

Si metta nei panni di una famiglia in cerca di asilo i cui figli non possono andare in piscina: questo la scandalizzerebbe?

Certo, mi indignerebbe assolutamente.

Che cosa significa concretamente?

In estate, quando ci sono 30 gradi, ai bambini piace stare in acqua. Se un bambino venisse escluso per un qualsiasi motivo, proverei indignazione. Mi chiedo chi abbia il potere di vietare ai bambini di andare in piscina.

Che cosa vuole la maggioranza dei musulmani?

Non lo so. Bisognerebbe fare un sondaggio. Immagino che i musulmani nel complesso abbiano desideri simili a quelli dei cristiani e probabilmente di tutti gli altri.

Conosco persone che rinunciano all'assistenza sociale per non essere stigmatizzate. Anche lei?

Sì, conosco persone del genere. Per molti, è difficile essere dipendenti dai soldi degli altri. Preferiscono stringere la cinghia.

Restiamo ai soldi: se la dirigenza di un'azienda ottiene più soldi, alla fine ne rimangono meno per gli azionisti. C'è qualcosa di sbagliato in questo?

Hmm… è una domanda molto complessa. L'ho fatta davvero?

Sì, ha posto esattamente questa domanda. Era nel contesto dell'iniziativa popolare contro le retribuzioni abusive. Per dirla in un altro modo: che cosa importa agli elettori di quanto un'azienda paga i suoi dipendenti?

Naturalmente questa è una questione che riguarda gli elettori. Un'azienda è parte della società, occupa dei terreni pubblici, genera emissioni, fa uso dell'infrastruttura e con tutto questo realizza profitti e si arricchisce. Quello che la gente si mette in tasca riguarda la collettività. Vorrei che in Svizzera ci si interrogasse maggiormente se ciò che si guadagna è giustificato, verso l'alto o verso il basso. I salari bassi sono troppo bassi, quelli alti troppo alti.

Mi rendo conto che le domande che mi fate sono tutte molto rilevanti dal punto di vista sociale.

Possiamo anche porre una domanda più personale. Cosa è stato importante nel suo lavoro di giornalista?

Cito qui un ex direttore di un'emittente radiofonica. Diceva che come giornalista devi sempre cercare di trovare la verità, ma con la consapevolezza che non ci riuscirai mai. Per me, ciò ha significato mettere tutto in discussione, riconoscendo al contempo che non si giungerà mai alla verità. Si tratta di un obiettivo molto ambizioso, ma è questa la strada che ho sempre seguito.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo