«Guida alla vecchiaia» gratis di Pro Senectute

Secondo le previsioni demografiche in Svizzera nei prossimi decenni il numero degli anziani aumenterà in maniera sensibile swissinfo.ch

La popolazione invecchia: nel 2040 in Svizzera per ogni pensionato vi saranno solo due persone attive. La terza età tuttavia non è, né per chi la vive né per la società, solo crucci e sofferenze. «La generazione anziana ha futuro»: lo sostiene Pro Senectute, che martedì ha pubblicato una «guida» proprio con questo titolo.

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 aprile 2001 - 19:20

L'opuscolo presentato a Zurigo sottolinea il netto miglioramento delle condizioni di vita degli ultrasessantenni e il loro ruolo nella società. Propone poi una serie di riflessioni attorno alla vecchiaia e consigli per una terza età serena abbordando temi come il finanziamento dell'AVS, la pensione all'estero, la povertà o l'isolamento.

Rispondendo ai timori relativi all'aumento dei «senior», Pro Senectute mostra quanto la vecchiaia si sia modificata nel corso degli ultimi 30 anni. Non tutti i vecchi sono a carico della collettività: in generale la salute è migliore e le persone sono più autonome che nel passato, sottolinea la Fondazione.

L'opuscolo intitolato «La generazione anziana ha futuro» è disponibile gratuitamente nell'edizione in lingua italiana scrivendo presso la Pro Senectute Ticino e Moesano, Via Vanoni 8/10, c. p. 3199, 6901 Lugano, oppure telefonando allo 091/912 17 17, inviando un fax allo 091/912 17 99 o un E-mail a info@ti.pro-senectute.ch

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo