Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

"Oggi più nessuno vuole l'adesione all'UE"

Christoph Blocher - deputato UDC e uno dei più ricchi imprenditori svizzeri

(swissinfo.ch)

Il no al SEE era giusto: lo dice, in un'intervista a swissinfo, Christoph Blocher 10 anni dopo lo storico voto .

Nessuno più del deputato UDC zurighese si impegnò nel 1992 per far respingere l'adesione.

Christoph Blocher, a dieci anni dalla votazione che bocciò lo Spazio economico europeo, è ancora convinto di aver fatto la cosa giusta?

Certo, altrimenti il popolo svizzero non avrebbe mandato a rotoli l'adesione al SEE e adesso saremmo membri dell'Unione Europea. Vede oggi, ad eccezione del Consiglio federale, nessuno è più favorevole ad entrare nell'Unione Europea. Anche l'economia si è accorta che una partecipazione avrebbe delle conseguenze molto negative.

Lei era nel 1992 la figura simbolo dell'opposizione allo Spazio economico europeo. Quanto c'era in gioco di personale?

Naturalmente nel corso della battaglia elettorale mi ero fatto conoscere. Ma questo non era lo scopo. Semplicemente sapevo quale era l'importanza della questione SEE per la Svizzera: la democrazia diretta, il sistema statale, il benessere erano in gioco. Ecco perché ero così accanito nella lotta. Una lotta che mi provò molto, sia psichicamente che fisicamente. Non credo che potrei rifarla.

I suoi antagonisti sostengono che l'attuale stagnazione dell'economia svizzera sia dovuta proprio al no sullo Spazio economico europeo.

Dopo il 1992 l'economia è effettivamente peggiorata. Dieci anni fa era ancora tutto bello: meno debiti, meno tasse, meno imposte. L'economia poteva svilupparsi. La situazione attuale non ha nulla a che vedere però con lo Spazio economico europeo. È piuttosto la conseguenza di una cattiva politica, che cerca di adattarsi all'Unione Europea e alza le imposte.

Qual è il suo consiglio per far di nuovo crescere l'economia svizzera?

Le spese sociali devono diminuire, nessun nuovo aumento di tasse e nessun debito supplementare. Il carico fiscale deve scendere. In nessun altro Paese è così alto. Inoltre sono convinto che avremmo delle opportunità straordinarie se finalmente puntassimo sulla Svizzera. Dobbiamo smetterla di fare la riverenza di fronte agli stati stranieri. Come se gli altri lo facessero.

In Svizzera molte cose sono bloccate. Cambiamenti decisivi - come lo smembramento dei cartelli - non sono praticamente attuabili allo stato attuale...

Non c'è altra soluzione possibile se non quella di cambiare i rapporti politici a Berna. Se l'UDC nelle prossime elezioni si rafforzerà, le cose cambieranno. Allora gli altri partiti borghesi dovranno decidersi a fare una chiara politica borghese.

Riguardo ai rapporti tra Svizzera ed Unione Europea: si stanno discutendo i bilaterali bis, ma i progressi non sono notevoli...

Sono dell'opinione che non dovremmo nemmeno trattare. Il Consiglio federale lo fa solo per portare la Svizzera nell'UE il più in fretta possibile. I nuovi accordi permetterebbero ad esempio l'introduzione del patto di Schengen e causerebbero la soppressione del segreto bancario. Schengen non ci serve, e di sopprimere il segreto bancario non se ne parla nemmeno.

Intervista: Felix Münger, swissinfo

Fatti e cifre

Votazione per lo Spazio economico europeo del 1992:
50,3% di no contro 49,7% di sì (23'105 voti di scarto).
14 cantoni e 4 semicantoni contrari, 6 cantoni (tutti romandi) und 2 mezzi cantoni (Basilea città e Basilea campagna) favorevoli.
78,7% la percentuale dei votanti: la seconda più alta del dopoguerra.

Fine della finestrella

In breve

Christoph Blocher:

1974-1978 consigliere comunale a Meilen

1975-1980 legislativo cantonale Zurigo

dal 1977 presidente dell'Unione democratica di centro (UDC) di Zurigo.

dal 1979 consigliere nazionale

dal 1986 presidente dell'ASNI (Azione per una Svizzera neutrale e indipendente)

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×