Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

#WeareSwissAbroad "Come si è arrivati a questo punto in Australia?"

foresta in fiamme, avvolta in colonne di fumo.

I vigili del fuoco in Australia lottano disperatamente per salvare le persone e i loro beni dalle fiamme.

(sda-ats)

La situazione in Australia al momento si è un po' stabilizzata, dice lo svizzero Roland Isler, che risiede a Melbourne. Il cambiamento meteorologico della scorsa settimana sta certamente contribuendo alla tregua.

Ciò nonostante, 38 incendi sono ancora fuori controllo. swissinfo.ch ha chiesto a Roland Isler maggiori informazioni sulla situazione.

Qual è la situazione meteorologica attuale?

Roland Isler: Questa settimana, la situazione meteo nel mio Stato federale di Victoria è cambiata in modo spettacolare. La giornata di mercoledì, qui nelle vicinanze di Melbourne, è iniziata con temperature elevate. Poi, nel giro di un paio d'ore, un enorme temporale si è abbattuto su di noi. Ha portato un forte abbassamento della temperatura e piogge violente: esattamente quello di cui abbiamo bisogno!

Servizio del TG RSI del 16.01.2020

video Servizio del TG RSI del 16.01.2020

Lei ha lanciato un appello sui social media per le donazioni a varie istituzioni che combattono gli incendi. Cosa l'ha spinta ad agire personalmente?

"Gli australiani sono solidali con i bisognosi e sono sicuro che anche la nostra comunità svizzera darà il proprio contributo."

Fine della citazione

Gli incendi di boscaglia sono un evento naturale in Australia e di solito non causano troppi danni. Ma non è sempre così. Ho visto brutti roghi, per esempio nel 2009 a Victoria, dove sono morte 173 persone in due giorni.

Non avevo però mai visto incendi dell'attuale portata. Pompieri professionisti e volontari sono totalmente oberati. Gran parte della nostra natura, unica nel suo genere, è stata distrutta. Tante persone hanno perso i loro averi e anche l'agricoltura è stata duramente colpita.

La ricostruzione e il sostegno alle persone colpite richiederanno miliardi. Anche i vigili del fuoco hanno bisogno di un aiuto finanziario per riequipaggiarsi. Gli australiani sono solidali con i bisognosi e sono sicuro che anche la nostra comunità svizzera darà il proprio contributo.

Roland Isler a mezzo busto.

Roland Isler vive ad Heatherton, un sobborgo di Melbourne, da 37 anni. Dal 2009 è delegato del Consiglio degli svizzeri all'estero. 

(Francine Schaepper)

Ha ricevuto delle reazioni?

No, e non mi aspetto alcun feedback. Chi può e vuole aiutare, può farlo direttamente.

Lei è stata personalmente colpita dagli incendi?

A parte il fumo che ricopre la città come nebbia, fortunatamente non ne sono colpito.

Negli ultimi mesi, in Australia il fuoco ha devastato una superficie pari a quasi il triplo della Svizzera. Sono periti ventotto persone e un miliardo di animali. Cosa le passa per la mente di fronte a questi fatti?

"Viene semplicemente da piangere quando si vedono le immagini della distruzione."

Fine della citazione

Viene semplicemente da piangere quando si vedono le immagini della distruzione. Dopo questa prima reazione, mi chiedo come si sia arrivati a questo punto e cosa si debba fare per evitare il ripetersi di una catastrofe di questa portata.

Per me è chiaro che alcune cose devono cambiare in futuro, perché siamo noi esseri umani il maggior problema. Il cambiamento climatico è una realtà e dobbiamo imparare a rispettare la natura e il pianeta, è l'unico che abbiamo.

A che stadio sono attualmente gli incendi?

La situazione complessivamente si è piuttosto stabilizzata, ma è ancora grave. Nel Nuovo Galles del Sud si stanno attualmente combattendo 105 incendi, di cui 38 non sono ancora sotto controllo. Due grandi incendi tra il Nuovo Galles del Sud e Victoria si sono trasformati in un unico mega-inferno. Nello Stato dell'Australia Meridionale, è particolarmente colpita l'Isola dei Canguri.

Ha contatti con altri svizzeri residenti in Australia direttamente colpiti?

Fortunatamente, finora, ai circoli degli svizzeri all'estero e al Consolato generale non abbiamo ricevuto alcuna richiesta di aiuto da parte di svizzeri colpiti. Siamo a conoscenza solo di un caso di un'azienda agricola che ha subito dei danni e che ha ricevuto un aiuto finanziario dall'ente svizzero di beneficenza locale.

Questa intervista è stata condotta per iscritto via e-mail il 15 gennaio 2020.


(Traduzione dal tedesco: Sonia Fenazzi)

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.