Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Proiezioni a Soletta

KEYSTONE/ALESSANDRO DELLA VALLE

(sda-ats)

La produttrice ticinese Tiziana Soudani riceverà il "Prix d'honneur" delle 52esime edizione Giornate cinematografiche di Soletta. Il riconoscimento le sarà consegnato il 23 gennaio al cinema Landhaus, prima della proiezione del film "Le ultime cose" di Irene Dionisio.

Dotato di 10'000 franchi, il "Prix d'honneur" è offerto dai comuni del distretto di Wasseramnt e viene assegnato dal 2003 a personalità che si distinguono per il loro contributo alla cultura cinematografica svizzera, scrivono oggi in una nota gli organizzatori della rassegna.

Nata e cresciuta a Locarno, Tiziana Soudani ha prodotto in 30 anni un gran numero di film di successo, fra cui "Pane e Tulipani" di Silvio Soldini, "Le meraviglie" di Alice Rohrwacher e da ultimi "Il nido" di Klaudia Reynicke" e la pellicola di Irene Dionisio, entrambe opere prime di giovani registe.

Assieme al marito Mohammed Soudani, ha fondato nel 1987 la società di produzione Amka Films. In seguito ha alternato la sua attività per il Festival del film di Locarno con soggiorni all'estero. Dopo aver prodotto documentari in Africa, Tiziana Soudani è ritornata in Svizzera, dove si è concentrata sempre più alla produzione di film svizzeri ed europei, diversi dei quali hanno ottenuto importanti riconoscimenti.

Tiziana Soudani ha prodotto anche più di cento documentari. Collabora inoltre come esperta con l'Ufficio federale della cultura e fa parte dell'accademia svizzera del cinema e di quella europea.

Alle 52esime Giornate di Soletta, in programma dal 19 al 26 gennaio, saranno presentati 179 fra corti e lungometraggi. Tema principale della rassegna saranno i "Viaggi lontano dal Paese". Ventuno i documentari e le fiction in gara per i due principali premi.

Alla cerimonia di apertura sarà presente la consigliera federale Simonetta Sommaruga, mentre nella giuria del Premio di Soletta - dotato di 60 mila franchi - ci sarà l'ex presidente del Comitato internazionale della Croce Rossa, Cornelio Sommaruga.

Fuori concorso sarà presentato un film sulla vita dell'ex consigliere federale Jean-Pascal Delamuraz, di Daniel Wyss.

Come ogni anno, le candidature per il Premio del cinema svizzero saranno annunciate nel corso della "Notte delle nomination", il 25 gennaio, mentre l'assegnazione avverrà il 24 marzo a Ginevra.

www.solothurnerfilmtage.ch/home

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS