80 gruppi musicali da 23 paesi per i 25 anni del Paléo Festival di Nyon

Oasis, Beck, Stephan Eicher e il «Buena Vista Social Club» figurano fra i principali artisti in cartellone al Paléo Festival di Nyon, che festeggerà quest'anno il 25mo anniversario, dal 25 al 30 luglio.

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 aprile 2000 - 17:27

Alla «festa di compleanno» parteciperanno
«Non vogliamo coltivare la nostalgia: l'edizione del 25mo sarà come ogni anno una festa della musica, variata e colorata», ha spiegato martedì il direttore e fondatore della manifestazione, Daniel Rosselat.

Il quarto di secolo del Paléo sarà festeggiato il 25 luglio con 25 invitati-sorpresa, che si lanceranno in una maratona musicale di 25 ore. La loro identità sarà rivelata soltanto pochi giorni prima della manifestazione; «tutti sono però già venuti a Nyon», precisa Rosselat.

La «world music» occuperà il palcoscenico del «Dôme» per l'intera durata del festival. Vi si susseguiranno fra l'altro i Mamady Keita (Guinea), i «Tamburi di Tokyo», la fanfara rumena «Zece Prajini» e numerose altre formazioni.

Fra gli altri «nomi», il Paléo segnala la venuta dei cubani Ibrahim Ferrer & Ruben Gonzalez del «Buena Vista Social Club», che si esibiranno giovedì 27 luglio. Presente anche Emir Kusturica con i rocker jugoslavi «No smoking orchestra» e il celebre cantautore francese Pierre Perret.

Il lirismo dei «Cranberries» caratterizzerà la serata irlandese- venerdì 28 - istituita in omaggio al debutto «folk» della manifestazione vodese. Fra gli altri invitati irlandesi: «The Chieftains» e «Dervisch».

Una sesta «scena» di 1500 posti sarà dedicata interamente alla musica elettronica. Fra i gruppi messi in risalto: «Tikiman», i ginevrini «Peeping Tom» e il francese «Me one».

La musica classica sarà rappresentata domenica 30 con il violonista Pierre Amoyal, che interpreterà due concerti di Johann Sebastian Bach, accompagnato dall'Orchestra di Camera Balta. Lo stesso giorno si produrrà anche il panista prodigio Fazil Say.

Come ogni anno, per evitare la ressa, il numero delle entrate sarà limitato. L'anno scorso, il festival aveva attirato 202mila spettatori.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo