Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

A Delémont il premio Wakker 2006

Il ponte della Maltiere è una delle costruzioni più caratteristiche della città vecchia di Delémont

(Keystone)

L'edizione 2006 del premio Wakker è stata vinta da Delemont. Il capoluogo del canton Giura l'ottiene per aver saputo valorizzare il proprio spazio pubblico.

Il premio dell'associazione Heimatschutz ricompensa ogni anno un comune che ha prestato particolarmente cura allo sviluppo urbano e alla protezione dei siti.

Per Heimatschutz Svizzera, Delémont ha migliorato la qualità del proprio sviluppo urbano e architettonico grazie ad una "visione chiara" della politica territoriale.

Delémont è così la seconda località del canton Giura, dopo Porrentruy nel 1998, a ricevere il Premio Wakker.

Attribuendole questa distinzione, la fondazione svizzera per la salvaguardia del patrimonio nazionale vuole dimostrare agli altri comuni che un impegno costante porta i suoi frutti.

Dotato di 20'000 franchi, il premio ha comunque un valore più che altro simbolico: l'obiettivo è quello di onorare pubblicamente la qualità di un lavoro esemplare.

Salvaguardia del patrimonio

In particolare, Heimatschutz ha apprezzato la risistemazione della piazza di fronte alla stazione e la sua trasformazione in un'attraente zona d'incontro.

Lo spazio pubblico è stato valorizzato sul piano estetico ed il traffico è stato ridotto a favore dei pedoni.

La commissione d'esperti ha pure rilevato gli sforzi intrapresi nella città vecchia. L'area trafficabile è stata trasformata in una zona a velocità limitata (30 km/h) e valorizzata con degli interventi estetici che le hanno dato "un aspetto simpatico".

Le fontane e numerose facciate di edifici sono state riattate grazie ad un fondo speciale.

Uno dei principali interventi ha riguardato la ristrutturazione del Castello Episcopale, oggi una scuola.

Questo approccio sarà utilizzato per altri monumenti della città. I lavori di conservazione si indirizzano anche al patrimonio costituito di recente ed agli antichi lotti di terreno di inizio Novecento.

Esempi da seguire

Philippe Biéler, da sei mesi presidente di Heimatschutz Svizzera, intende far conoscere meglio l'associazione in Romandia, dove non è molto popolare.

"Ma è un lavoro a lungo termine" afferma Biéler. "Heimatschutz è un po' desueta in Svizzera romanda".

L'ex consigliere di stato vodese ha ritratto il dipinto di un'associazione il cui campo d'attività si estende al di là del patrimonio storico, ponendo l'attenzione sulle preoccupazioni legate alla qualità della vita e al concetto urbano.

A titolo d'esempio, Biéler ha citato i premi consegnati lo scorso anno alle Ferrovie federali svizzere e quest'anno a Delemont.

swissinfo e agenzie

In breve

Dal 1972, il Premio Wakker (dal nome dell'uomo d'affari ginevrino Henri-Louis Wakker, 1875-1972) è attribuito ogni anno ai comuni che dimostrano particolare attenzione allo sviluppo urbano e alla protezione dei siti.

Soltanto nel 2005 il premio (del valore di 20'000 franchi) è stato attribuito ad un'azienda, più precisamente alle Ferrovie federali svizzere.

La distinzione spetta quest'anno a Delémont (Giura), mentre nel 2004 il premio è stato attribuito a Bienne (Berna).

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×

In evidenza